Venerdí 29 aprile, a cura del Volksbund (Ente germanico che gestisce i cimiteri militari tedeschi in Italia) ed in collaborazione con il Centro documentale Esercito di Catania, il Comune di Motta Sant’Anastasia ed il Consolato Germanico di Messina, avrà luogo  la cerimonia di riapertura del cimitero militare germanico di Motta Sant´Anastasia.

Il Sacrario germanico, realizzato nel 1965 su una collina panoramica estesa circa quattro ettari, unico in Sicilia e tra i pochi dell’Italia meridionale, ospita i resti di 4.561 caduti tedeschi (tra cui quelli di Luz Long, medaglia d’argento nel salto in lungo che, alle Olimpiadi di Berlino del 1936, dove fu avversario dell’americano Jesse Owens – i due atleti insieme nella foto qui sotto), è stato oggetto nell’ultimo anno di importanti lavori di ristrutturazione riguardanti fondamenta, muri perimetrali, pavimentazioni marmoree ed iscrizioni sepolcrali.

La cerimonia di riapertura prevede gli interventi di Wolfgang Hoerle e Friedrich Keller (rappresententanti  del Volksbund), del sindaco di Motta Sant’Anastasia, Angelo Giuffrida, del Console generale della Repubblica Federale di Germania, Christian Much. Farà seguito una breve funzione religiosa ecumenica officiata dal pastore Chista Wolf e dal cappellano militare don Giovanni Salvia, con la deposizione di corone, e un assolo di tromba con i brani “ Ho avuto un commilitone”, ”Silenzio”  e gli inni nazionali italiano e germanico eseguiti dalla Banda della Brigata Aosta di Messina.